Evadere le tasse… come mai ? IRES al 36%, indeducibilità dei costi ed evasione fiscale

dicembre 11, 2012 in Blog di Riccardo Genghini, contributi, imposte, tasse

Forse se in Italia non vi fosse l’IRAP, l’IRES al 36% e una miriade di norme “antielusive” (che significa che non Ti puoi dedurre auto, interessi, collaboratori familiari, ecc., ecc., ecc.) forse non vi sarebbero così tanti evasori.
Pagare il 36% sugli utili aziendali non distribuiti, significa che lo stato prende quello che una banca prende per un finanziamento di 20 anni per il medesimo importo in linea capitale.
Ergo, tutte le imprese italiane sono sottocapitalizzate, a causa dell’IRES e non a causa della “eccessiva dipendenza del sistema bancario.
Lo stato fa da procacciatore d’affari per le banche, che comprano il debito pubblico.
Per gli imprenditori gli interessi bancari costano meno degli utili !!!!!!
Sono follie che hanno ucciso la crescita e la produttività delle aziende italiane.

Se guadagnare mi costa come fare un mutuo… occorre cercare di non guadagnare (o di non fare risultare i guadagni). Soprattutto se, di questi tempi, l’anno successivo al pagamento dell’IRES, potrebbe essere che l’azienda potrebbe avre bisogno di quei soldi per rimettere in ordine i propri conti !

Di tasse, di questi tempi, si può anche morire!